I cristiani evangelici e la politica estera degli Stati Uniti - Council on Foreign Relations 

I cristiani evangelici e la politica estera degli Stati Uniti - Council on Foreign Relations




Quali sono i cristiani evangelici?

Gli evangelici in genere dicono di accettare Gesù Cristo come "Signore e Salvatore", che hanno un rapporto personale con Gesù, e si sono impegnati a diffondere il suo messaggio in modo che gli altri possano raggiungere la salvezza. Molti evangelici condividono le molle convinzione della Bibbia conosciuta come premillennialism, che sostiene che il ritorno di Cristo sarà di fronte a un regno millenario di pace. Derivato dalla parola greca che significa "buona notizia", ​​il termine "evangelico" ha assunto un significato più ampio, quando fu adottato dai seguaci di Martin Luther dopo la Riforma protestante. Protestantesimo evangelico era la forma dominante del cristianesimo nei primi anni degli Stati Uniti ed è rimasta una forte parte della cultura americana del ventesimo secolo. Molti evangelici negli Stati Uniti ora seguono la tradizione di Billy Graham e Carl Henry, leader che ha guadagnato la protuberanza nella metà del XX secolo, promuovere l'attivismo nella propagazione della fede, nonché la collaborazione con le altre religioni per migliorare il benessere umana.

Sono diversi dai cristiani fondamentalisti?

Gli esperti dicono che un errore comune è identificata con i cristiani evangelici fondamentalisti. Timothy Samuel Shah, senior fellow presso il Pew Forum on Religion e della vita pubblica, dice che entrambi i gruppi condividono un insieme comune di credenze, ma una differenza importante è l'attivismo evangelica. "Entrambi i evangelici e fondamentalisti tendono a credere che [la Bibbia] Scrittura è infallibile, cioè senza errori, ed entrambi tendono a leggere le Scritture letteralmente, e vederlo dall'inizio come assolutamente autorevole alla fine", afferma Shah. "La differenza, tuttavia, è che i fondamentalisti tendono ad essere separatisti [il ritiro della politica e della cultura], mentre gli evangelici tendono ad essere attivisti." Le principali denominazioni protestanti negli Stati Uniti comprendono la Convenzione battista del sud, le Assemblee di Dio, la Convenzione Nazionale Battista, e diverse chiese pentecostali. I suoi seguaci sono stimati a variare da milioni di 40-75.000.000, una figura molto diversa a causa della mancanza di identità istituzionale, come esiste in denominazioni protestanti e la Chiesa cattolica romana.

Qual è stato il suo ruolo tradizionale nella politica estera degli Stati Uniti? 

I cristiani evangelici sono stati sostenitori di lunga data di un forte stato di Israele, anticipando la sua creazione nel 1948, ma il suo attivismo su questo tema è stato più pronunciato negli ultimi anni. Un altro problema che hanno avuto un grande interesse nel corso dell'ultimo quarto di secolo è la pianificazione familiare internazionale. Gli evangelici sono di rilievo tra i gruppi che le amministrazioni sono premuti dal presidente Reagan a mantenere i fondi per i programmi di popolazione che consentono l'aborto.

CFR Senior Fellow Walter Russell Mead scrive negli ultimi affari esteri che la visione del mondo della politica degli Stati Uniti tende ad essere dominato dal protestantesimo liberale durante la seconda guerra mondiale e la guerra fredda. Tra coloro che provengono da questa tradizione, dice, sono stati presidenti Franklin D. Roosevelt, Harry Truman e Dwight D. Eisenhower. Ma i cristiani evangelici sono diventati più importante negli ultimi anni. L'ex presidente Jimmy Carter è uno, e gli esperti dicono il presidente Bush si adatta al profilo di un cristiano evangelico di, anche se Bush non se stesso non descrive come tale.

Quali sono l'influenza evangelica nella politica estera americana?

Gli esperti dicono che la loro influenza è stata notevole in materia di diritti umani negli ultimi dieci anni e sta crescendo. Evangelici lavorano spesso con coalizioni che coinvolgono altri gruppi cristiani, liberali laici ed ebrei, tra gli altri, che hanno svolto un ruolo di primo piano nei seguenti punti:

  • La guerra civile in Sudan nord-sud si è conclusa . gli sforzi degli Stati Uniti per porre fine alla più lunga guerra civile africana sono stati una risposta in parte alla campagna in corso in questione evangelico sui rapporti che il governo di Khartoum stava imponendo la schiavitù e l'Islam nel sud prevalentemente Christian. L'accordo di pace del 2005, promosso dal ex senatore John Danforth, un ministro episcopale ordinato, detiene ancora, nonostante un conflitto civile separata infuria nel Darfur. Gli evangelici sono tra un certo numero di gruppi che stanno spingendo per l'azione internazionale per porre fine allo spargimento di sangue in Darfur.
  • AIDS / umanitarismo . Durante il periodo di Bush in carica, l'aiuto degli Stati Uniti per l'Africa è aumentato del 67 per cento, tra cui $ 15 milioni impegnati nell'arco di cinque anni per i programmi di lotta contro l'HIV e l'AIDS. La politica ha affrontato le critiche da parte di alcuni sostenitori della salute che dicono la loro enfasi sulla astinenza, a scapito degli sforzi come la distribuzione del condom hanno rallentato la risposta alla lotta contro la malattia. I delegati provenienti da Africa, parlando ad una conferenza internazionale sull'AIDS a Toronto nell'agosto 2006, la strategia dell'amministrazione ha un record misto finora.
  • La legge sulla libertà religiosa del 1998 . Gli esperti dicono che gli evangelici hanno giocato un ruolo chiave nello sforzo di approvare una legge che la libertà di religione e di coscienza di una priorità della politica estera. Secondo la legge, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha lanciato un agenzia di consigliare il governo su come i paesi conducono sulla libertà religiosa. I paesi hanno dato voti bassi potrebbero affrontare sanzioni economiche e altre misure punitive.
  • La legge dei diritti umani in Corea del Nord 2004 (PDF). Questo atto ha portato Bush a nominare un inviato speciale per i diritti umani in Corea del Nord e dice dei diritti umani nel paese dovrebbe essere un "elemento chiave nei futuri negoziati tra gli Stati Uniti, Corea del Nord e altrove Asia interessati in Asia nord-est ".
  • La legge sulla protezione delle vittime della tratta (PDF). Adottata nel 2000, l'atto mira a scoraggiare il traffico, punire i trafficanti e proteggere e riabilitare le vittime. La nuova normativa firmata dal Presidente Bush nel gennaio 2006 fornirà una cifra stimata di 360 milioni di $ nel corso dei prossimi due anni per combattere il traffico di persone e vittime di protezione offerto.

Nancy E. Romano, vice presidente e direttore del programma di CFR Washington, dice che questo modello di attivismo da evangelici rischia di intensificarsi. "Credo che nel complesso la Convenzione Battista del Sud e di altri gruppi evangelici organizzati hanno deciso che è veramente importante per partecipare alla politica e certamente nel campo della politica estera", dice Romano. "Con la sola forza dei numeri, credo che gli evangelici stanno avendo più di un impatto misurabile in questo momento" rispetto ad altri gruppi religiosi. "Evangelici", Mead scrive, "hanno dato un nuovo impulso e sostenere gli sforzi umanitari degli Stati Uniti sotto il presidente Bush."

Qual è la posizione evangelica sulla politica degli Stati Uniti nei confronti di Israele?

Gli evangelici spesso considerano il Medio Oriente attraverso un prisma biblica e sono quindi forti sostenitori di Israele, secondo gli esperti. Richard Terra, capo del braccio di politica pubblica della Southern Baptist Convention, ha detto in una riunione di CFR nel settembre del 2005 che il suo gruppo non avrebbe "dato cieca accettazione di tutto ciò che lo stato di Israele fa o ha fatto." Tuttavia, ha aggiunto: "Penso che sia giusto dire che una grande maggioranza di persone che si identificano come evangelici credono che Dio ha dato la terra di Israele agli ebrei ... e Dio disse che Dio benedice coloro che benedicono gli ebrei e Dio maledice quelli che maledicono gli ebrei ".

Aggiungere Mead, scrivendo affari esteri ". Molti credono che la promessa del [libro] Genesi della Bibbia si è fermato e che il Dio di Abramo letteralmente benedica gli Stati Uniti se gli Stati Uniti benedice Israele" Ma fondamentalisti cristiani tendono a mantenere più severe punti di vista sulle politiche relative alla evangelica tradizionale di Israele. Alcuni fondamentalisti hanno raccolto fondi per promuovere insediamenti israeliani in Cisgiordania ea Gaza. Alcuni evangelici conservatori non sono d'accordo con il supporto dell'amministrazione Bush per la "tabella di marcia per la pace", in quanto prevede un ritiro israeliano dalla città occupata come parte di un impegno per i territori palestinesi. Un fondamentalista evangelica primo piano, Pat Robertson ha detto dopo la Ariel Sharon, allora-israeliano colpito da un ictus nel mese di gennaio che è stato un castigo di Dio per il ritiro da Gaza.

Qual è il parere del evangelici verso i musulmani?

La ricerca condotta dal Pew Forum (PDF) mostrano che di tutti gli americani, gli evangelici hanno i punti di vista più negativo dell'Islam e dei musulmani. Shah Pew Forum dice che gli attacchi di 9/11 hanno confermato la vista tra molti evangelici che l'Islam è una fonte di violenza nel mondo. Ha detto che gli evangelici e equiparato l'Islam con l'alta incidenza di questa persecuzione religiosa in molti stati musulmani. "In qualche modo penso che molti evangelici vedono la guerra contro il terrorismo, la guerra in Iraq, la lotta [contro] persecuzioni religiose come parte di un pezzo, come parte di una spinta politica estera, in generale, per sfidare l'Islam radicale, "ha detto Shah. "Credo che molti elite evangelici vedono in questo modo."

Rev. Franklin Graham, un leader evangelista e figlio di Billy Graham, ha creato scalpore quando ha detto dopo gli attacchi di 9/11 che l'Islam era una "religione molto male e molto male." La terra, il Southern Baptist Convention, ha detto alla riunione del CFR 2005 "molti evangelici equiparare radicale il jihadismo islamico troppo facilmente con l'Islam" e che la sua opinione è che l'Islam è molto frammentata, una "cosa", come il cristianesimo. Gli evangelici hanno anche sostenuto la campagna dell'amministrazione Bush di democratizzare l'Iraq in modo più coerente rispetto a molti altri gruppi nazionali, secondo le indagini condotte all'inizio di quest'anno sia da Pew e Zogby International.

Quali sono alcune altre priorità di politica estera di evangelici?

Gli evangelici hanno mostrato crescente interesse per le questioni ambientali, che essi chiamano "cure creazione". Alla fine del 2004, l'Associazione Nazionale degli Evangelici ha adottato una piattaforma sulla responsabilità civile che comprende una sezione sulle attivismo ambientale (PDF). A seguito di problema ambientale più, un gruppo di evangelici di rilievo nel febbraio 2006 ha costituito la Climate Initiative evangelica, che hanno descritto come uno sforzo collettivo per promuovere iniziative evangelici cristiani e gli altri per effettuare le regolazioni nella loro vita per contribuire ad alleviare la pressione riscaldamento globale. una dichiarazione dicendo che il cambiamento climatico indotto è reale, avrà modo sproporzionato influenzerà i poveri, e che i cristiani hanno la responsabilità morale di agire con urgenza per affrontare il problema, come ad esempio la riduzione delle emissioni di anidride carbonica emessa . CFR Romano dice il nuovo attivismo ambientale, che viene contestata da alcuni evangelici, evangelici segnali che non possono essere facilmente incasellato in un blocco politico. "Evangelici chiaramente non aderiscono ad una prescrizione della politica, c'è più varietà di quanto si pensi", dice Romano.



Lascia un commento