Una modifica di una densitometria spettrofotometrica saggio sensibili o safranina per ... - Riassunto - Europa PMC




Recentemente, un test per quantificare glicosaminoglicani riferito basa sulla precipitazione con safranina O (Lammi, M. e Tammi, M. (1988) Anal. Biochem. 168, 352-357). In questa procedura, il precipitato formato quando i glicosaminoglicani proteoglicani o mescolato con safranina O vengono raccolti con un apparato dot-blot di un filtro a membrana. L'intensità del colore viene misurata in punti densitometricamente ed è proporzionale alla quantità di glicosaminoglicani e proteoglicani nel campione. Questo rapporto descrive una modifica di safranina O saggio densitometrica permettendo l'uso come un test spettrofotometrica. Per questo, i precipitati sono stati solubilizzati in cetilpiridinio cloruro e l'assorbanza determinato per le soluzioni ottenute. Come con il metodo densitometrica, guanidinio cloruro di intensità del colore diminuisce. Tuttavia, il colore è stabile anche dopo solubilizzazione, per almeno una settimana. I precipitati raccolti fino a 10 microgrammi di materiale possono essere solubilizzati in 100 microlitri di cetilpiridinio cloruro di fresco, in modo che una maggiore sensibilità può essere ottenuta se il precipitato solubilizzato viene misurata in un microcuvet. Così, solubilizzazione con cloruro di cetilpiridinio permette l'uso di safranina O per glicosaminoglicani e proteoglicani prova, anche quando un densitometro non è disponibile.


Lascia un commento